• Cooperativa Raggio Verde Onlus

Partecipazione solidale "India" dillo con il cuore

Novità
Partecipazione  solidale  'India' dillo con il cuore
carta india 2
carta india lavorazione 1
carta india lavorazione 2
carta india lavorazione 3
carta india 1
Sud del MondoFatto a mano100% Naturale
Hai scelto:
Cod.
rvbom1393
Quantità

Partecipazione solidale in carta india realizzata con materiali di riciclo provenienti dal progetto Jiai Jagat - Gandhian Community - formato rettangola cm 21 x 10.5 cm con busta in carta paglia.
Elaborazione grafica e stampa testo personalizzata compresi nel costo unitario.
La stampa presente nella foto pubblicata è puramente esemplificativa e puo essere variata a piacere.

Descrizione

 PARTECIPAZIONE SOLIDALE  "INDIA DILLO CON IL CUORE"

STORIA E CARATTERITICHE DELLA CARTA INDIA   

Evoluzione e storia della fabbricazione della carta fatta a mano in India   Reperti archeologici a Gilgit nell'area di Baltistan indicano che la carta fu usata in Himalaya nel VI secolo d.C. Nell'VIII secolo un dizionario sanscrito fornisce traduzioni sia per la parola persiana che per quella cinese. Le invasioni musulmane in India iniziarono nell'XI secolo, portando con sé prove della carta usata per i manoscritti. Questi manoscritti erano in un lungo formato oblungo o accatastati insieme con stecche superiori e inferiori ferme per intrecciarli, dopo di che erano legati con lo spago. Manoscritti a foglia di palma o corteccia di betulla avevano fori praticati sul lato sinistro attraverso il quale veniva passata una forte corda per tenere uniti i fogli con script. Più tardi, ad alcuni furono dati bordi decorativi. Manoscritti islamici e giainisti si elaborarono con illustrazioni.  

La carta come materiale per scritture religiose, decreti d'ufficio, tribunali e lavori amministrativi divenne la norma tra il X e il XIII secolo. Kagaz, la parola persiana per carta, è stata adottata come parola per carta in India.   Furono stabiliti piccoli borghi chiamati kagzipura, città di carta, uno dei quali sopravvive con lo stesso nome ad Aurangabad, nel Maharashtra, dove una comunità musulmana continua a produrre carta a mano anche nel 2018. Stabilimenti di produzione di carta fatta a mano di diverse dimensioni si trovano a Sanganer, il più grande centro per la produzione di carta nell'India occidentale.  

Dopo che l'India ottenne l'indipendenza dal dominio britannico, il Mahatma Gandhi promosse con forza le industrie tradizionali dei villaggi di cui la produzione di carta fatta a mano e il khadi, tessuti fatti a mano e tessuti a mano, erano di primaria importanza per lui. Oltre a sostenere i mezzi di sussistenza, lo scopo era quello di combattere il dominio dei beni meccanici che danneggiavano l'ambiente e uccidevano le imprese locali autosufficienti. L'amico e consulente economico di Mahatma Gandhi, J.C Kumarappa, il primo dottore commercialista indiano, ha contribuito a formulare il suo approccio economico. Oggi, il J. C. Kumarappa Research Institute vicino a Sanganer, nel Rajasthan, ha trovato quasi 40 diversi materiali di scarto che possono produrre carta, comprese banconote danneggiate.   Kumarappa National Handmade Paper Institute  

Sull'ampia parete alle porte d'ingresso del Kumarappa National Handmade Paper Institute di Jaipur, Rajasthan, c'è un messaggio imperdibile in hindi che chiede a tutti di salvare gli alberi usando la carta fatta a mano.
È l'unico istituto del suo genere in Asia, fondato nel 1994, che ricerca le possibilità di utilizzare tutti i tipi di materiali alternativi per fabbricare la carta a mano.  
Il lavoro presso il laboratorio ben attrezzato del KNHPI si estende all'esame della fattibilità tecnico-economica di ciascun campione.  
Fornisce assistenza nella realizzazione di impianti pilota e organizza corsi di formazione, organizza programmi promozionali e partecipa alle principali fiere della carta. Un tecnico aziona una piccola pressa per ricavare un pezzo circolare piatto dalla polpa dal materiale in esame. Ciò che esce dalla stampa in forma circolare viene essiccato e testato per varie proprietà. Sono fissati su una tavola in file nel loro laboratorio.  
Sono già state testate circa 40 diverse fibre e altri materiali organici. Molti di questi sono stati messi in produzione da varie agenzie. Fibra di banana in diverse fasi di preparazione, e la carta prodotta da essa dopo lo sbiancamento al KNHPI. Questo foglio, quando laminato, resiste alla decomposizione da umidità, funghi o insetti come i pesci d'argento. Bastoncini di senape, polpa di seta Endo-bozzolo, foglia di palma, bambù, jawar (farina di sorgo) e sisal sono alcuni dei materiali alternativi testati e trovati adatti per la fabbricazione della carta.  
La materia prima più comunemente usata per fabbricare la carta a mano sono i rifiuti di calzetteria, colorati o bianchi. Questo è sempre disponibile alla rinfusa nelle fabbriche di abbigliamento di calzetteria situate nelle aree di produzione tessile in India.   I rifiuti di maglieria vengono quasi sempre mescolati con altre fibre o sterco di animali.  
Lo sterco di vacca ha usi nell'India rurale. La conversione in carta è un vantaggio aggiuntivo non previsto dai proprietari di bestiame.   Ma per Gandhi, l'abilità della fabbricazione di carta fatta a mano sarebbe morta in una morte tranquilla quando l'India fosse libera dal dominio coloniale.   Kagaz, la parola persiana per carta, è stata adottata come parola per carta in India. Furono stabiliti piccoli borghi chiamati kagzipura, città di carta, uno dei quali sopravvive con lo stesso nome ad Aurangabad, nel Maharashtra, dove una comunità musulmana continua a produrre carta a mano anche nel 2018.   Stabilimenti di produzione di carta fatta a mano di diverse dimensioni si trovano a Sanganer, il più grande centro di produzione della carta nell'India occidentale. Salim Kagzi   Salim Kagzi, un'unità al 100% orientata all'esportazione che porta avanti una tradizione di famiglia che risale alla fine del XVI secolo ha un affascinante legame con il Mahatma Gandhi.
A metà del XIX secolo, le imbarcazioni kagzi stavano morendo a causa delle importazioni di carta fabbricata in fabbrica britannica.   Nel 1938 Janab Allah Bux, un maestro artigiano della carta, incontrò Gandhi nella disperazione. Suo figlio Salim, che ora dirige l'unità, racconta come Gandhi da allora in poi abbia usato solo carta fatta a mano e promossa, insieme a suo padre e al suo lavoro, in ogni occasione. Suo figlio lo chiama amorevolmente anche adesso come Bapu, padre, il nome affettuoso dato a Gandhi dal paese. 

Potrebbe anche interessarti
ACCEDI
Indirizzo E-Mail:

Password:


Accedi

CARRELLO

Il tuo carrello
è vuoto

Vai alla cassa
Invia richiesta