vai alla home page
ARTIGIANATO BRASILE - CARAIBERAS


Progetto tessile CARAIBERAS nello stato di Pernambuco.


Il nord est del Brasile è sicuramente la parte più povera di tutto il paese e a differenza di altre regioni che in questi ultimi hanno incominciato a crescere economicamente trasformando il brasile in una delle grandi potenze emergenti, qui il tempo sembra essersi fermato e tutto procede molto lentamente. A cominciare dallo sviluppo economico sociale e umano.

L’economia della regione è prevalentemente agricola, in particolare domina l’allevamento di ovini caprini e bovini questo grazie anche ai grandi spazi disponibili, la terra in ogni caso, eccetto quella vicina ai corsi d’acqua offre poco e durante la stagione secca piove poco o niente, in alcune aree anche a causa dei cambiamenti climatici è iniziato un rapido processo di  desertificazione. Pochissime le fabbriche o le attività produttive, mentre una parte consistente della popolazione lavora nelle molte dighe e centrali elettriche costruite lungo il corso del “rio San Francisco” un grande fiume che attraversa tutto il nord est.

Un caso particolare nello scarso panorama produttivo è quello di Caraiberas piccolo centro abitato la cui attività principale è la lavorazione del cotone, che da vita ad una grande varietà di prodotti lavorati.
Da caraiberas escono amache, tovaglie, abbigliamento, tappeti, coperte e molto altro, l’intera popolazione e impegnata in quella che, di fatto, è l’unica possibilità di lavoro e sostentamento. Donne, bambini, uomini, anziani tutti impegnati a produrre. Girare per le strade della cittadina è uno spettacolo inusuale, ogni casa è un piccolo laboratorio, e il rumore dei telai, quasi tutti manuali o in ogni caso molto vecchi, fa da sottofondo alla quotidianità d’ogni giorno,

 Il rovescio della medaglia di questa realtà è una situazione lavorativa al limite dello sfruttamento, la maggior parte delle persone lavorano sottopagati e a cottimo, e, di fatto, gli unici a guadagnarci grazie ad una proficua speculazione sono i fornitori del cotone, e gli intermediari che acquistano a prezzi irrisori dagli artigiani e dalle piccole attività produttive disseminate in tutta la città, per poi rivendere nelle aree più sviluppate del brasile a prezzi enormemente più alti. In questo contesto si inserisce il progetto di commercio equo, con l’obbiettivo iniziale di sostenere l’unica, per il momento, cooperativa di tutta l’area, “COOPERATIVA DOS ARTESAOS TEXTEIS DE TACARATU” La coop è composta di 32 soci e ogni socio rappresenta un nucleo familiare differente, sono quindi più di un centinaio le persone coinvolte e altre ancora contando però anche l’indotto, a fronte di un tale numero di persone impiegate il valore totale delle vendite resta comunque esiguo.  Il reddito medio d’ogni famiglia equivale a circa 360 REAIS al mese, al cambio attuale sono circa 146 euro, che diviso per il numero medio di componenti d’ogni famiglia (circa 5-6 individui)vuol dire un reddito giornaliero di meno di un EURO a persona.

In nostro obiettivo è di offrire loro un nuovo mercato, quello europeo garantendo prezzi e ricavi più alti e al tempo stesso dare un supporto  formativo in grado di rendere la coop più autonoma commercialmente anche per quello che riguarda il mercato locale.

Rispetto al progetto approvato dalla regione Piemonte la coop raggio verde si impegna per il primo anno di attività, ad acquistare ad un prezzo equo merce per un valore di 10.000 euro e la regione contribuisce con un supporto economico a sostegno della formazione e del miglioramento della struttura commerciale della cooperativa. Tale finanziamento rappresenta gia un quarto di tutto il fatturato annuo della cooperativa che vedrà quindi da subito un notevole aumento della redditività tenendo anche presento del valore aggiunto che deriva dal maggior valore pagato per la merce.

» per ordinare i prodotti clicca qui
 



Cooperativa Raggio Verde Onlus - Via Polle 54/B Cossato (BI) - tel 015/980293 fax 015/3700515 - P.iva 01980170029 - info@raggioverde.com